Atelier Fleuriste

×

Commerciale

Chieri (TO)

2008

L’intervento è articolato in due blocchi edilizi, formalmente profondamente diversi, concepiti l’uno come una grande vetrina-piazza sulla strada Andezeno, l’altro come un padiglione isolato all’interno del giardino aperto al pubblico, visibile dalla strada attraverso scorci prospettici.

La ristrutturazione dell’edificio a cortina prevede il mantenimento della porzione centrale in tutti i suoi caratteri, mentre ai lati il volume dell’edificio è ricostruito da una grande vetrata a tutta altezza verso strada e da una pelle cangiante in rame verso il cortile; lo spazio interno è completamente aperto e si articola intorno a un grande vuoto a tutta altezza attraversato da passerelle.

Il sistema di raffrescamento della vetrata è realizzato mediante un velo d’acqua che trasforma l’intero fronte dell’edificio in una fontana monumentale: la strada diventa così piazza, spazio pubblico di riferimento per l’intero contesto urbano.

Il padiglione interno al giardino è costituito da un volume articolato e fluido, sollevato da terra da setti in cemento e rivestito da una pelle in laterizi rotti che gli conferiscono un forte carattere materico.

 

 

committente: Idea Fiori di Marco Segantin

superficie: 580 mq

progetto: ELASTICOSPA

gruppo: Stefano Pujatti, Corrado Curti, Manuela Luis y Garcia, Davide Musmeci, Valeria Brero, Daniele Almondo

strutture: Carlo Marocco

impianti: Luciano Ghia

costruttore: Gorgone Rosazza s.r.l.

fotografie: Beppe Giardino, Marco Boella, Betta Crovato

 

Dove osano gli avvoltoi

×

Concorsi

L'Aquila (AQ)

2013

Il progetto proposto per la nuova sede della Provincia dell'Aquila estremizza l'obiettivo di pedonalizzare il centro della città e di valorizzare la preesistenza storica del Palazzo del Governo e la percezione dell’abside della Chiesa di Sant’Agostino. La volontà di creare spazi pubblici di connessione tra questa parte dell’isolato, il Palazzo del Governo a quota 0.00 e il retro della Chiesa a quota -1.30, ci ha spinto a studiare la realizzazione di una grande piazza, che diventa loggia coperta scivolando sotto l'edificio. Sviluppata sui due diversi livelli, la piazza taglia orizzontalmente l’edificio della Provincia, separando solo formalmente il piano della hall a quota -4.50 dai piani degli uffici che partono da quota +3.30. Un grande cilindro vetrato, oltre a connettere fisicamente i vari piani attraverso il vano scala ed i vani ascensore contenuti al suo interno, permette di percepire, dallo spazio esterno della piazza, la vita all’interno della hall e l’attività dei piani superiori: nelle ore notturne diventa una lanterna luminosa attraverso la quale è possibile illuminare gran parte della loggia. Dal punto di vista materico, le facciate sono composte di un ordito di travertino e di vetro, i diversi colori delle pietre si integrano alle parti vetrate che, leggermente brunite e riflettenti, rilegano insieme le varie parti dei prospetti e realizzano, con la riflessione simultanea di cielo e pietra, un gioco ambiguo di solidità ed evanescenza.

 

committente: Provincia dell'Aquila

superficie:  7300 mq

progetto: ELASTICOSPA+3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Corrado Curti, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Monica Ierace, Marco Burigana, Luca Infanti, Stefano De Pippo, Marco Bertelli, Alessandro Bilucaglia

 

 

Marbleous

×

Commerciale

San Quirino (PN)

2008

In una zona industriale costellata da capannoni prefabbricati, un'azienda di lavorazione del marmo intende ristrutturare la parte di capannone adibita ad uffici, che ha subito un incendio. Sfruttando tale occasione la volontà è quella di valorizzare il lavoro dell'azienda, mostrandone le potenzialità ed offrendo ai clienti un'immagine accattivante nel luogo adibito all'accoglienza.

Il programma funzionale del progetto è molto semplice e l'area di intervento limitata, per cui gli sforzi progettuali si concentrano principalmente sullo studio dell'involucro:  si decide dunque di sostituire completamente i tamponamenti esistenti con pareti vetrate, nella porzione ad angolo corrispondente agli uffici. La schermatura di tali vetrate, esposte a sud ovest, viene realizzata utilizzando lastre di marmo grezze, di dimensioni e finiture varie, agganciate ad un telaio di acciaio. La luce filtra attraverso gli interstizi dai contorni frastagliati delle lastre, creando un disegno interessante sia dall’interno che, nelle ore di buio, dall’esterno. La scelta del materiale permette di effettuare il lavoro in economia, oltre a divenire un vero e proprio manifesto pubblicitario.

 

 

committente: Il Marmo s.r.l.

superficie: 200 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3 

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Marco Burigana, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo 

strutture: ARCADE s.a.s.

fotografie: Stefano Pujatti

 

Auditorium Acilia

×

Concorsi

Roma

2011

È un vero peccato pensare di non utilizzare ogni centimetro di quello spazio, come un polmone che scambia ossigeno con l’organismo; quella fetta di terreno compresa tra i palazzi, le strade e gli edifici pubblici ha il potenziale per divenire un luogo urbano di rigenerazione anche sociale.

Abbiamo sollevato l’auditorium per non togliere terreno e continuità al parco che diviene parte della piazza ed entra sino nelle viscere del nuovo edificio.

Lo spazio coperto offre riparo anche alle manifestazioni comunitarie più spontanee ed improvvisate.

La struttura non presenta una facciata principale, la sua permeabilità da ogni lato e la sua massa caratterizzano il luogo permettendo al nuovo spazio pubblico di scivolarle sotto di se senza soluzione di continuità. 

L’ingresso all’auditorium è aulico ed avviene dalla piazza, che dovrebbe estendersi oltre la via definendo un asse chiaro che congiunge le strutture pubbliche esistenti con la nuova fermata della metropolitana.

All’interno vorremmo che l’edificio si presentasse in modo accogliente, la hall costruita su più piani è stata pensata come luogo di incontro, i flussi degli spettatori vi convergono giungendo in uno spazio fortemente caratterizzato. 

 

committente: Roma Capitale

superficie: 2200 mq

progetto: ELASTICOSPA 

gruppo:  Stefano Pujatti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano

 

Scuola Polcenigo

×

Pubblico

Polcenigo (PN)

2012

La scuola si inserisce a ridosso del paesaggio montuoso che delimita a Nord-Ovest il territorio di Polcenigo.

Attestandosi davanti al vecchio istituto con cui condivide lo spazio esterno del giardino, il nuovo edificio realizza con quello esistente una configurazione a corte centrale.

Alla suddivisione funzionale dell’intervento, che nasce per ospitare la didattica ordinaria della scuola media ed elementare, corrisponde un impianto planimetrico costituito da due ali distinte. Le due parti, che risultano tra loro ruotate, trovano nel punto di cerniera l’atrio di ingresso. Una copertura a doppia falda con sezione variabile culmina in corrispondenza dell’atrio generando un grande lucernaio. Questo spazio, illuminato da una gradevole luce zenitale e di dimensioni significative, risulta  luogo ideale per lo svolgimento di attività libere e di eventi occasionali. Dall’atrio si snodano i due corridoi che distribuiscono le aule e i servizi e, nello stesso tempo, si accede agli spazi esterni attraverso due porticati: quello verso l'ingresso filtra le persone e protegge chi aspetta; l'altro, verso la vecchia scuola, attenua l'irraggiamento solare da sud e accompagna gli studenti alle aule speciali.

 

committente: Comune di Polcenigo

superficie: 880 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Marco Burigana Corrado Curti, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano

strutture: Ing. Stefano Santarossa

impianti: Ing. Stefano Santarossa

costruttore: Franco Lavina Costruzioni s.r.l.

fotografie: Marco Burigana