Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato 

 

Uffici Carena

×

Commerciale

Cambiano (TO)

2005

La trasformazione di un silo, un tempo utilizzato per contenere la terra costipata proteggendola dal gelo durante i mesi invernali, in uffici direzionali della Fornace Carena. Il piano terra è stato interamente convertito in mensa e spogliatoi per gli operai della fabbrica: per adeguare gli spazi alle nuove funzioni è stato necessario tagliare alcuni pilastri. Gli spezzoni che scendono dal soffitto, illuminati dal basso, danno un senso surreale e spiazzante allo spazio. Una lunga rampa, porta i clienti fino al piano di accoglienza. Originariamente occupato dal cumulo di argilla, lo spazio interno è stato trasformato in un ambiente a tutta altezza, diviso in due grandi navate: la prima ospita reception e segreteria, la seconda, il cui solaio si curva lungo la traccia lasciata dall’umidità dell’argilla sul muro, articola gli uffici manageriali a livelli differenti e permette di ricavare aree di servizio al di sotto della soletta. 

Camminando sul pendio, il percorso raggiunge il piano superiore, dove una volta ribassata copre la sala riunioni ed un prezioso loft. Alcuni volumi traforano la volta, creando lanterne luminose per gli spazi interni, e terrazze aperte.

 

committente: Carena S.p.a.

superficie: 1100 mq

progetto: ELASTICO (Stefano Pujatti, Simone Carena) con Cesario Carena 

gruppo: Stefano Pujatti, Simone Carena, Cesario Carena, Marco Boella, Manuela Luis y Garcia, Ivan Martini, Luca Macrì, Davide Musmeci, Cristina Negri, Giovanni Tironi

strutture: Gianni Vercelli 

costruttore: Marchiori Costruzioni

fotografie: Betta Crovato