Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato

 

Top Gun

×

Case Unifamiliari

Polcenigo (PN)

2008

In un piccolo nucleo costruito della campagna pordenonese, una casa a schiera con configurazione a ballatoio diviene la residenza di una pilota dell’aviazione americana. L'esterno è improntato ad un’estrema semplicità ed uniformità, con l’utilizzo del colore bianco per le pareti, gli infissi e la struttura lignea del ballatoio, ricostruito secondo la tipologia tradizionale. All'interno la nuova scala diviene il fulcro dell’abitazione, si arrampica attorno ad un carotaggio che fora tutte le solette, dal piano interrato al tetto, un'esaltazione del potere del vuoto alla ricerca di un rapporto tra questo e la densità degli spazi abitativi segnati dalla regolare scansione dei piani. Le curve delle rampe sono accentuate dalla ringhiera in ferro con un corrimano ad andamento ondulato e bacchette verticali disposte irregolarmente. I solai sono realizzati in cemento gettato su teli di nylon, dopo aver posizionato in modo casuale  alcuni volumi semisferici di polistirolo di differenti dimensioni: si è ottenuta così una superficie sempre varia e sorprendente, intervallata dai vuoti delle calotte e da strane venature. 

Uno scavo nel terreno porta luce nell’interrato, ricavato in parte sotto l’edificio in parte all’esterno.

 

committente: privato

superficie: 270 mq

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Alex Morassut, Davide Musmeci, Marco Burigana, Roberto Marcuzzo, Manuela Luis y Garcia, Corrado Curti

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Luca Doimo Costruzioni

fotografie: Betta Crovato