Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi

 

Slow Horse

×

Pubblico

Piancavallo (PN)

2013

Obiettivo del progetto è stato restituire un'identità ad una località sviluppatasi con la speculazione edilizia degli anni '70: un luogo che offre il suo meglio quando la neve ricopre le nefandezze dell'arroganza architettonica. Proprio come un bambino, l'edificio giocherà con la neve, compattandola ed accumulandola in luoghi specifici, predefiniti dalla forma del tetto e delle facciate: il ghiaccio farà parte del gioco, le stalattiti diverrano decorazione dell'edificio. Il progetto ha previsto la demolizione parziale dell'edificio originario, mantenendo esclusivamente il piano terra: il resto dell'edificio si sviluppa su tre piani prefabbricati in legno, sopra una piattaforma di cemento armato che scavalca a ponte il basamento, lasciando un metro di vuoto ed appoggiandosi a terra sui tripodi. La struttura, pur essendo il risultato di un concept e di soluzioni tecnologiche avanzate, richiama lo schema delle tradizionali costruzioni montane. Elementi trainanti delle scelte architettoniche e distributive sono stati: l'orientamento delle camere, in rapporto al soleggiamento ed alle viste sul paesaggio; la forma della copertura e la sua capacità di trattenere e rilasciare acqua, neve e ghiaccio; il progressivo mutamento delle facciate in rapporto al tempo ed al clima.

 

destinazione: hotel

committente: Promotur S.p.A.

superficie: 3450 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto Del Maschio, Stefano Trucco, Cesare Roluti, Valeria Brero, Corrado Curti, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana, Andrea Rosada

strutture: Stefano Santarossa

costruttore: Riccesi S.p.A.

fotografie: Donato Riccesi, Jacopo Riccesi