Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti 

Expo2015

×

Pubblico

Milano (MI)

2014

Il padiglione N9  ospiterà alcuni dei partners di EXPO MILANO 2015, le sue funzioni saranno di rappresentanza, esposizione dei prodotti, accoglienza di clienti durante trattative ed incontri del tipo B to B. La sua collocazione all’interno dell’impianto lo vede posizionato in prossimità dell’Accesso Est, su di un’area di  superficie pari a 1270 metri per uno sviluppo di tre piani fuori terra.

Valutato con accortezza il programma richiesto, abbiamo pensato ad una costruzione in grado di creare un immaginario vicino a quello del concept generale dell'expo. Abbiamo quindi rinunciato all'idea di un grande volume compatto e monumentale cercando di produrre spazi a scala umana, in grado di divenire interessanti tramite segni, materiali e forme che, pur familiari, creassero un'aura e dessero delle sensazioni speciali sia agli utilizzatori che ai visitatori.

L'idea alla base del progetto è quella di creare due volumi completamente distinti, uno al piano terra e l'altro al piano secondo, lasciando un piano “d'aria” libero  ma ricco di vegetazione.

Entrambi i volumi costruiti, mireranno a creare una sensazione di trasparenza lasciando vedere o intravedere la struttura di legno che è la vera protagonista dell'architettura di questo padiglione.

L’antenna ed il suo spazio di rispetto sono divenuti elementi organizzatori delle aree esterne.  Lungo il lato sud infatti, una sbrecciatura del volume del piano terra metterà in connessione il percorso pedonale ad Est del lotto con la piazzetta di accesso al padiglione e di conseguenza con l’hortus poco distante.

La connessione verticale tra i piani sarà garantita da un imponente spazio a tutta altezza occupato da una scala prospettica: questo è l'unico vero spazio monumentale, da cui si percepirà l'intera sezione dell'edificio. Nell'idea di progetto il salire ai diversi piani vuole essere un’esperienza percettiva dello spazio che si dilata e si arricchisce di elementi man mano che si sale.

 

destinazione: padiglione espositivo

committente: Expo 2015

superficie: 1270 mq 

progetto: ELASTICOSPA + 3

gruppo: Stefano Pujatti, Alberto del Maschio, Valeria Brero, Daniele Almondo, Serena Nano, Marco Burigana

strutture: Corrado Curti